Al fine di migliorare i nostri servizi, questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Prosegue lo sviluppo del mercato rinnovabile

30/01/2012

Cifre record, nonostante la crisi economica, per il mercato delle tecnologie rinnovabili. Crescita del 13% nel 2011 e buone prospettive anche per il 2012

Nonostante la difficile congiuntura economica che si è manifestata su scala planetaria, il mercato delle energie rinnovabili continua a manifestare un positivo dinamismo.
Durante il 2011 gli investimenti nel settore hanno messo a segno incrementi significativi, con un incremento - secondo i dati forniti da Cleantech Group - del 13% rispetto all’anno precedente, raggiungendo gli 8,99 miliardi di dollari.
Inoltre, l’accresciuta competizione nel settore ha fatto si che le operazioni relative a fusioni e acquisizioni abbiano raggiunto livelli record nel 2011, con 391 offerte per un giro di affari di 41,2 miliardi di dollari, in crescita del 153% rispetto al 2010.

Il settore dell’energia solare è stato quello che ha attratto la quota più elevata degli investimenti (1,81 miliardi di dollari), seguito da quello dell’efficienza energetica (1,46 miliardi di dollari). Tuttavia, è stato proprio quest’ultimo settore quello che ha visto registrare il maggior numero di operazioni.

La distribuzione geografica degli investimenti in tecnologie pulite durante il 2011 assegna al Nord America (con la California al primo posto) una quota del 76% del totale, seguita dall’Europa che, insieme a Israele, ha rappresentato il 14% dell’investimento globale. Il restante 10% è stato coperto dagli investimenti effettuati in Asia e in Oceania.

A fronte di questa consistente crescita dei capitali investiti, tuttavia, il rapporto di Cleantech Group rileva che il numero globale delle operazioni è diminuito del 7% rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda le prospettive per il 2012, le previsioni elaborate sulla base dei dati storici portano a ritenere che vi sarà un ulteriore e forte aumento degli investimenti.