COP 22, la voce dei giovani sulle sfide del futuro

Martedì, 8 Novembre 2016

“Enel promuove la presenza dei giovani alla COP 22 con il sostegno a diverse iniziative che li vedono protagonisti come il concorso Film4Climate e il progetto The New Voice of Climate.”

La conferenza Onu vista dai giovani

Dal 2005 la COP promossa dall’Onu è preceduta dalla COY per dare voce al punto di vista delle giovani generazioni sulle sfide globali legate al climate change.

Conferenze, workshop e iniziative di volontariato coinvolgono centinaia di giovani di tutto il mondo che confluiscono nella città ospitante la Conferenza delle parti Onu per dare il loro contributo al dibattito partendo dalla loro esperienza e dal coinvolgimento nelle attività di ONG, associazioni della società civile e comunità locali.

“Tra gli oltre 9000 partecipanti alla COP 22 Onu in corso a Marrakech ci sono 60 ragazzi che raccontano i lavori della Conferenza dal punto di vista dei giovani.”

Un team internazionale di reporter under 20

La Conferenza dei giovani svoltasi dal 4 al 6 novembre presso la Cadi Ayad University di Marrakech ha visto in particolare la partecipazione di 750 studenti di 10 scuole superiori della “capitale culturale” marocchina e ha coinvolto un gruppo di giovani delegati nel progetto The New Voice of Climate.

Nei mesi precedenti alla COP 22 e alla COY 12 sono state realizzate coi giovani marocchini attività di formazione sui temi legati ai cambiamenti climatici e simulazione dei negoziati ONU nelle classi. 

30 studenti e insegnanti sono poi stati selezionati per partecipare all'iniziativa internazionale Youth Press Agency, nell’ambito del progetto The New Voice of Climate, promossa dall'Associazione Viração e da diversi partner tra i quali Enel Green Power.

“I giovani studenti marocchini stanno lavorando insieme a 30 coetanei di Africa, Europa e America Latina per raccontare la Conferenza Onu attraverso articoli, foto e video.”

Per seguire i reportage e le news degli studenti basta sintonizzarsi sulla piattaforma web The new voice of climate oppure seguendo i profili social tra cui Facebook, Twitter, You Tube e Pinterest.