Cristalândia, il nostro cigno brasiliano

Pubblicato lunedì 7 agosto 2017

“Come tutti i progetti, lungo la strada abbiamo dovuto affrontare numerosi ostacoli. Le ultime settimane sono state particolarmente sfidanti, ma abbiamo portato a termine tutte le attività con successo. Sono orgoglioso di essere il responsabile di questo team.”

– Boris Drusettich, Project Manager

Un successo di tutti

I lavori del parco eolico di Cristalandia sono iniziati il 6 aprile 2016. Dopo poco più di anno, abbiamo realizzato 45 turbine che hanno prodotto il primo kWh alle 8.25 (ora brasiliana) del 24 luglio scorso. “E’ stata una grande emozione vedere l’impianto iniziare a produrre energia. Tutto il team ha partecipato con grande impegno ed entusiasmo a questo traguardo. Cristalândia è stata un’esperienza unica nel suo genere, una importante lezione che rappresenterà un valore aggiunto nei prossimi progetti”, aggiunge il Project Manager Boris Drusettich.

Una volta che sarà pienamente in esercizio, l’impianto sarà in grado di generare circa 350 GWh l’anno evitando l’emissione in atmosfera di circa 118mila tonnellate di CO2.

“Nello stato di Bahia, attualmente gestiamo 711 MW di capacità solare ed eolica e stiamo costruendo ulteriori 600 MW in progetti che utilizzano queste due fonti rinnovabili.”

Il nostro impegno per la comunità

In linea con il modello di “Creazione di Valore Condiviso” (Creating Shared Value, CSV) adottato dal Gruppo, che si propone di combinare lo sviluppo del business con i bisogni delle comunità locali, Enel Green Power ha portato avanti anche in Brasile una serie di iniziative nelle aree vicine all’impianto.

“Ci stiamo impegnando per sostenere l’economia del Paese nel modo più responsabile, contribuendo alla diversificazione del mix energetico da rinnovabili e realizzando iniziative per la sostenibilità con l’obiettivo di creare valore condiviso per le comunità locali.”

– Carlo Zorzoli, Country Manager di Enel in Brasile

In tutto lo stato di Bahia, abbiamo realizzato workshop per il riciclo creativo, con l’obiettivo di favorire dei guadagni attraverso il riutilizzo dei materiali di costruzione dell’impianto come pallet adattati a oggetti di arredo e teli utilizzati per realizzare manufatti da vendere sul mercato locale. Abbiamo anche realizzato un ponte, un’opera di alta ingegneria che rimarrà a disposizione di tutti.