• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Parco solare di Totana

Parco solare di Totana

La vita è condivisione: questa massima si applica perfettamente alla realtà di questo parco spagnolo, i cui pannelli solari condividono l’uso del terreno con attività di agricoltura, facendo del parco di Totana uno degli impianti di Enel Green Power all’avanguardia nell’implementazione della tecnica dell’agrivoltaico. Una combinazione armonica di innovazione e tradizione al servizio della transizione energetica.

L'impianto

Il sole di Murcia

Quello di Totana è il primo progetto completato dei sette parchi solari (per una capacità complessiva di 339 MW) assegnati a Enel Green Power España (EGPE) nel luglio 2017, a seguito della terza asta di energie rinnovabili organizzata dal governo spagnolo. Situato nell’omonima località della comunità autonoma di Murcia, il parco di Totana vanta una capacità di 85 MW, è in grado di generare 150 GWh all’anno, è composto da 248.000 moduli fotovoltaici e ha richiesto un investimento di 59 milioni di euro.

icona

All’avanguardia per l’agrivoltaico

icona

Tecnologia

 Solare

icona

Status

Operativo

icona

Capacità operativa

84,7 MW

icona

Produzione di energia

150 GWh all’anno

icona

Emissioni di CO2 evitate

104.000 tonnellate all’anno

Timeline

Milestone

{{item.label}}
{{ item.title }}
{{ item.content }}

Impatto sulla comunità locale

icona

Agrivoltaico

Enel Green Power España è all’avanguardia, per quanto riguarda l’implementazione della tecnica dell’agrivoltaico, al fine di migliorare l’impronta ecologica e generare valore per la comunità locale attraverso l’uso condiviso del terreno. In concreto, nell’impianto di Totana, grazie alla collaborazione con l’Instituto Murciano de Investigación y Desarrollo Agrario y Alimentario (IMIDA), sullo stesso terreno occupato dai pannelli solari sono coltivati anche peperoni, broccoli, carciofi, piante di timo e pitaya (noto anche come frutto del drago).

Inoltre, 8 ettari del parco di Totana sono stati destinati alla creazione di un’oasi ecologica che fornisce un’area protetta per più di 25 specie di uccelli, alcune delle quali in pericolo di estinzione. Enel Green Power España sta anche sviluppando proficue sinergie con i pastori della zona per utilizzare l’attività naturale di diserbo degli ovini negli impianti fotovoltaici: una pratica estremamente utile per la prevenzione degli incendi.

icona

Modello di Cantiere sostenibile

Durante la fase di costruzione, i lavori nel parco di Totana hanno seguito il modello di Cantiere sostenibile di Enel Green Power, che ha previsto l’applicazione di diverse misure, tra cui l’utilizzo di energia rinnovabile grazie a un impianto fotovoltaico in grado di soddisfare le esigenze energetiche dei lavori. I pannelli di questo impianto sono poi stati donati al Centro de Día José Moyá (un centro diurno che si occupa di persone con problemi mentali), a cui EGPE ha anche provvisto un sistema di illuminazione efficiente. Tra le altre iniziative, sono da segnalare il riciclo dei rifiuti e il compostaggio della parte organica durante la fase di costruzione.

Inoltre, durante lo sviluppo dell’impianto è stato seguito il modello di Creazione di valore condiviso (CSV, Creating Shared Value). La costruzione del parco di Totana ha infatti permesso la creazione di nuovi posti di lavoro e ha migliorato le competenze professionali della popolazione, dando così priorità all’assunzione di forza lavoro locale. Sono stati anche organizzati corsi di formazione sulle energie rinnovabili per i residenti della zona in cerca di occupazione, nonché programmi di sensibilizzazione ambientale nelle scuole e nel Centro de Día José Moyá.

Iniziative digitali

Per la costruzione del parco di Totana sono state utilizzate tecnologie innovative che hanno consentito di migliorare il processo. Tra queste:

  • un esoscheletro per aiutare i lavoratori a sollevare i pesi più facilmente;
  • un sistema di sicurezza AME installato sui macchinari pesanti del cantiere;
  • tecnologia GPS per effettuare gli scavi con l’utilizzo di un macchinario autonomo guidato per il livellamento;
  • sistemi di giunzione dei moduli fotovoltaici di ultima generazione, che garantiscono un fissaggio più rapido dei pannelli solari.

Contatti

Contenuti correlati