• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Un ospedale in Uganda per i bimbi di tutta l’Africa

Gino Strada e Renzo Piano hanno posato la prima pietra del nuovo Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica. Enel Green Power fornirà 2600 moduli fotovoltaici per garantire l’autosufficienza energetica dell’edificio.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

Una folta vegetazione tropicale circonda gran parte del lago Vittoria, nell’Africa centrale. Intorno al lago, è un continuo alternarsi di larghe distese boschive e di steppe che concludono il loro percorso nell’immenso specchio d’acqua dolce e limpida, fonte primaria di sopravvivenza per le milioni di persone che vivono nei pressi delle coste.

A circa 35 chilometri da Kampala, capitale dell’Uganda, venerdì scorso è arrivato un nuovo piccolo albero, piantato da Gino Strada e Renzo Piano insieme al presidente ugandese Museveni. Il fondatore di Emergency e il noto architetto si sono dati appuntamento a Entebbe per inaugurare l’inizio delle attività del Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica, un progetto speciale per tanti motivi: perché offrirà cure di altissimo livello ai giovani pazienti ugandesi e di tutta l’Africa, perché lo farà in modo gratuito e perché nasce in un luogo dove il tasso di mortalità infantile è ancora altissimo.

L'ospedale avrà 3 sale operatorie e 78 posti letto. Sarà costruito in terra pisè, una tecnica di costruzione tradizionale che utilizza la terra cruda garantendo un'inerzia termica che manterrà costanti la temperatura e l'umidità nell'edificio.

Un'attenzione particolare sarà destinata agli aspetti ambientali: “Enel Green Power fornirà 2600 moduli fotovoltaici a film sottile per un totale di 289,24 KWp – ci spiega Sonia Sandei, Responsabile Vendite Generazione Distribuita di EGP, che ha preso parte all’evento andato in scena il 10 febbraio - Il nostro tetto fotovoltaico è perfettamente integrato nel progetto architettonico di Renzo Piano e sarà in grado di garantire la completa autosufficienza energetica dell’ospedale”.

La realizzazione di questa struttura unisce l’eccellenza chirurgica pediatrica di Emergency e l’eccellenza tutta italiana nell’ambito della tecnologia, dell’energia e della sostenibilità. L'ospedale sarà anche un centro di formazione di giovani dottori e infermieri provenienti da tutta l’Africa. “Allo stesso modo, anche Enel Green Power si impegna a formare persone provenienti dalle comunità locali che potranno così occuparsi della manutenzione dei moduli fotovoltaici installati sul tetto dell’edificio e per nuove installazioni fotovoltaiche in tutto il Paese”.

Oltre a Enel Green Power, sono molte le imprese italiane che hanno preso parte al progetto a Entebbe dove è stato quindi possibile portare il bello e il buono del Made in Italy. All’evento per la posa della prima pietra hanno partecipato anche il presidente ugandese Yoweri Museveni e il ministro della Sanità Jane Ruth Aceng. “Durante il suo intervento, il presidente ha sottolineato l’importanza di questa struttura che rappresenta l’unico ospedale pediatrico chirurgico di tutta l’Africa – aggiunge Sonia Sandei - Qui i bimbi verranno curati e operati in modo totalmente gratuito. Questo sarà possibile grazie al grande impegno di Emergency che ha raccolto i fondi necessari. Il presidente ha voluto stringere personalmente la mano a tutti i donors coinvolti”.

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi