In Brasile, EGP connette alla rete l’espansione del campo eolico di Delfina

Pubblicato mercoledì, 12 giugno 2019

“Grazie all'espansione del nostro più grande parco eolico in esercizio in Brasile, in anticipo rispetto al programma, riconfermiamo il nostro impegno ad aumentare la nostra presenza nel mercato brasiliano ad alto potenziale, dove siamo il principale operatore eolico in termini di capacità installata e portafoglio progetti.”

– Antonio Scala, responsabile del Sud America di Enel Green Power

Oltre alla nuova capacità di Delfina, l’ANEEL ha assegnato ad EGP anche i progetti eolici di Lagoa dos Ventos, nello Stato Piauí, per 510 MW di potenza installata, e di Morro do Chapéu II (nel Bahia), per 78 MW.

Nuova energia. Più sostenibilità

Con una capacità installata di 180 MW e una capacità di produzione di 800 GWh di energia sostenibile ogni anno, la prima sezione da 180 MW dell’impianto eolico Delfina è entrata in esercizio nel 2017.

I nuovi 29,4 MW, invece, saranno in grado di generare oltre 160 GWh all’anno.

Complessivamente, Delfina sarà in grado di produrre un totale di 960 GWh di energia sostenibile ogni anno ed evitare l’immissione in atmosfera di 580.000 tonnellate di CO2.

Tra il 2019 e il 2022, l’energia generata dall’espansione dell’impianto sarà venduta sul mercato libero. Dal 2023, invece, l’impianto eolico sarà legato da un contratto ventennale che prevede la vendita di determinati volumi di energia ad un gruppo di società di distribuzione operanti nel mercato regolamentato brasiliano.

“L'entrata in servizio del complesso di Delfina VIII è un momento gratificante per tutti i membri del team che hanno contribuito al progetto! Siamo orgogliosi del lavoro svolto, abbiamo completato questo nuovo parco eolico, in anticipo sui tempi e, soprattutto, senza incidenti. La nuova potenza di Delfina consolida ulteriormente la partecipazione di Enel nel settore energetico brasiliano.”

– Leonardo Navarro, project manager di Delfina VIII

Ma la produzione di energia sostenibile è solo il primo passo del nostro lavoro!

In linea con il modello di Creazione di Valore condiviso (Creating Shared Value, CSV), in grado di coniugare lo sviluppo del business e le esigenze della comunità locale, abbiamo scelto di tutelare il delicato ecosistema locale che ospita il nostro impianto.

Delfina infatti è immersa nella Caatinga, la più grande foresta secca dell’America del sud, una eco-regione di oltre 730.000 km2 che abbraccia 10 Stati del nordest brasiliano ed è tra le più ricche del mondo in termini di biodiversità.

È per questo che abbiamo definito una serie di iniziative per la salvaguardia delle specie locali minacciate dall’estinzione, come l’Ara Indaco, il giaguaro e il puma.

“Con Delfina stiamo guidando iniziative di sviluppo sostenibile per soddisfare le esigenze dei nostri stakeholder locali, ad esempio i progetti speciali a salvaguardia di specie animali in via di estinzione nell'ecosistema brasiliano Caatinga.”

– Antonio Scala, responsabile del Sud America di Enel Green Power

Nel 2017 abbiamo testato una nuova tecnologia che utilizza i segnali GPS per studiare le esigenze e le abitudini dell’Ara Indaco, come diffusione, rotte di volo e luoghi di nutrimento, riposo o riproduzione. Dopo un periodo di adattamento in cui i pappagalli hanno imparato a nutrirsi, ad aumentare la capacità di volo e a riconoscere i predatori, abbiamo liberato gli esemplari nati in cattività.

Inoltre il team di EGP dedicato alla tutela dell’ambiente, composto da studiosi e specialisti brasiliani, ha avviato un programma per mappare la presenza di giaguari e puma nella zona limitrofa al campo e studiare il loro habitat naturale grazie a un sistema di rilevazioni satellitari e telemetria.

Ed è anche grazie a questi progetti che Enel Green Power, nel 2018, è stata premiata come l’azienda più sostenibile in Brasile dall’Exame Sustainability Guide.