• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Cile: La rivoluzione delle energie rinnovabili per lo sviluppo sostenibile è firmata EGP

5 min.

Cile: La rivoluzione delle energie rinnovabili per lo sviluppo sostenibile è firmata EGP

Per le particolari caratteristiche del suo territorio il Cile offre opportunità uniche per lo sviluppo di tutte le fonti di energia rinnovabile. Una diversità che si trasforma in forza, come ha recentemente sottolineato il CEO di Enel Green Power, Antonio Cammisecra, nel corso della sua visita nel Paese latino americano dove EGP è il primo operatore di energia rinnovabile con 4,7 GW di potenza installata.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

Deserti d’alta quota, picchi vertiginosi e la vastità dell’oceano Pacifico. Con i suoi oltre 4.300 chilometri di lunghezza, il Cile è un concentrato di climi ed energie diverse che Enel Green Power ha imparato a conoscere e utilizzare nel rispetto del territorio e dell’ambiente.

Grazie alla costante attenzione per i contesti in cui opera, in Cile EGP è oggi il primo operatore di energia “green” con 4,7 GW di potenza installata. Una leadership realizzata grazie ad un mix di tecnologie rinnovabile che comprende idroelettrico, eolico, solare e geotermico e allo sviluppo di progetti innovativi e pionieristici che hanno nell’impianto di Cerro Pabellón, prima centrale geotermica non solo del Cile ma di tutta l’America del Sud, il suo esempio più noto ed eclatante.

Tutti gli impianti di EGP in Cile sono monitorati da una moderna sala controllo, recentemente inaugurata, e l’unica nel continente a controllare ben quattro fonti di energia rinnovabile tutte insieme.

Le caratteristiche uniche del territorio e la storica presenza di Enel Green Power in Cile sono state recentemente sottolineate dal CEO di EGP Antonio Cammisecra che, tra il 10 e il 13 settembre, ha visitato alcuni dei nostri impianti nel Paese sudamericano.

 

Energia idroelettica tra le montagne del Maule

Il fiume Maule, nel centro del Cile, segnava in passato il confine meridionale dell’impero Inca. Oggi le sue acque, che insieme al fiume Melado formano la Laguna del Maule, contribuiscono a formare uno dei complessi idroelettrici più grande del Paese. 

"Il bacino è molto importante per il suo contributo alla produzione idroelettrica, sia di EGP che nazionale, quindi è fondamentale gestirlo in modo efficiente, mantenendo il controllo dei costi e, cosa ancora più importante, in totale sicurezza. Inoltre si trova in un luogo meraviglioso, a ridosso delle Ande e della Laguna del Maule, un posto fantastico; e dobbiamo mantenere questi luoghi così come sono, senza intaccare il loro equilibrio, ne siamo consapevoli e siamo determinati a farlo".
Antonio Cammisecra, CEO Enel Green Power 

Ad est del bacino, non lontano da confine con l’Argentina, sorge l’impianto di Pehuenche, che con 570 MW di potenza installata fornisce da solo un sesto della potenza idroelettrica nel paese da EGP, pari a 3.557 MW. 

"Si tratta di una centrale ancora abbastanza giovane ma sono molto soddisfatto di come stiano andando qui le cose. Sono anche riuscito a percepire il forte senso della famiglia che ha raggiunto il team della centrale. Non è un fatto così scontato ed è un valore che dovrebbe essere alimentato perché contribuisce a migliorare il lavoro di ciascuno di noi".
Antonio Cammisecra, CEO Enel Green Power 

 

Energia rinnovabile: l’impianto idroelettrico di Los Cóndores

Sempre lungo il fiume Maule, ma più a valle, quando le Ande stanno per lasciare ormai il posto alla pianura, sorge il cantiere dell’impianto idroelettrico di Los Cóndores.

Una volta completata, la centrale avrà una potenza installata di 150 MW e produrrà 630 GWh ogni anno. Los Cóndores è uno dei progetti più importanti di EGP in Cile e, considerate le condizioni ambientali, anche uno dei più complessi.

Los Cóndores è costruita in uno dei luoghi più delicati del Cile e per questo EGP ha messo in campo una serie di azioni per mitigare l’impatto del suo cantiere: abbiamo salvaguardato la flora e la fauna locale e valorizzato tutti i siti culturali, un patrimonio restituito a tutti. 

"Nonostante le difficoltà e la complessità di questo progetto, c’è l'orgoglio per ciò che stiamo facendo, per la cura per l'ambiente, il rispetto per le persone e le comunità che vivono nei territori in cui operiamo, e il senso di appartenenza a un grande società"
Antonio Cammisecra, CEO of Enel Green Power 

Che si tratti di idroelettrico o geotermico, solare o eolico, in Cile EGP è in prima linea per favorire la transizione energetica del Paese verso le fonti rinnovabili. Una rivoluzione verde che avviene nel pieno rispetto di un territorio speciale.

Articoli correlati

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi