• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}
{{navigationCta.name}}

Diga

Le dighe sono opere architettoniche di fondamentale importanza per regolare il deflusso dei corsi d’acqua e aiutare le centrali idroelettriche a produrre energia rinnovabile.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

Una diga è un’opera artificiale di sbarramento di un corso d'acqua, che serve a regolare il deflusso di un corso d'acqua naturale, a proteggere un tratto di costa o un porto, oppure a formare un bacino o un serbatoio al servizio di una centrale idroelettrica.

Una diga è dotata di opere d’imbocco, di gallerie o canali, di opere di sfioro dell'acqua in eccesso e di opere di scarico. Può essere alta da poche decine di metri fino a centinaia di metri: per strutture superiori ai 15 metri di altezza o con un volume di invaso (capacità massima di accumulo) superiore al milione di metri cubi, si parla generalmente di grandi dighe.  

La diga più alta del mondo è attualmente la Jinping -1, sul fiume Yalong in Cina, con i suoi 305 metri di altezza. Verrà superata a fine costruzione dalla diga di Rogun in Tagikistan, che arriverà a svettare fino a 335 metri. La diga con la portata maggiore di acqua è invece la diga di Kariba, costruita sul fiume Zambesi tra Zambia e Zimbabwe: alta 128 metri, lunga 579 metri per una capacità di ben 185 miliardi di metri cubi.
 

Tipologie di diga

Le dighe si possono dividere principalmente in due categorie: dighe a gravità e dighe ad arco.

Diga a gravità: generalmente a sezione verticale di forma triangolare o trapezoidale, e sezione orizzontale ad asse rettilineo o talvolta curva. La stabilità e la resistenza della diga alla spinta idrostatica sono affidati unicamente al peso della costruzione.

Diga ad arco: di forma convessa, la maggior parte della spinta idrostatica delle acque d’invaso viene trasferita ai vincoli laterali della diga stessa e quindi sui fianchi della valle o montagna ove poggia. A causa delle sue caratteristiche, quindi, le dighe ad arco sono generalmente costruite per sbarrare valli non molto larghe, con fianchi rocciosi o comunque in presenza di sponde naturali stabili. 

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi