• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}
{{navigationCta.name}}
3 min.

Nuovo record di efficienza per le innovative celle solari basate sulla tecnologia a eterogiunzione prodotte da 3SUN

Nuovo record per le celle solari di ultima generazione prodotte da Enel Green Power: registrato il 24,63% di conversione della luce.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

La sfida per un fotovoltaico ancora più efficiente compie un significativo passo in avanti. Le celle solari a eterogiunzione prodotte dall’Enel Green Power hanno battuto il record mondiale di efficienza raggiungendo un rendimento del 24,63, un risultato certificato dall’ISFH, l’Istituto tedesco per la ricerca sull’energia solare di Hamelin.

Il record è stato possibile combinando la tecnologia busbarless – che consente alla cella di convertire più luce – e un nuovo trattamento sviluppato con INES (Institut National de l’Énergie Solaire), che ha migliorato ulteriormente la passivazione delle superfici cella.

L’efficienza della cella bifacciale è stata aumentata approssimativamente dello 0,7% grazie ad un miglioramento dei processi di deposizioni degli strati e di metallizzazione della serigrafia basato su processi di eterogiunzione (HJT), realizzati attraverso apparecchiature Meyer Burger.

Oltre a garantire una maggiore produzione di energia elettrica, la tecnologia busbarless consente di diminuire l’argento utilizzato per la produzione delle celle solari in misura sufficiente a ridurre significativamente i costi di produzione.

Le innovative celle solari basate sulla tecnologia a eterogiunzione hanno fatto segnare un nuovo record di efficienza di conversione della luce, che spinge ancora più alto la resa dei moduli bifacciali in HJT prodotti nella fabbrica Enel Green Power di Catania. 

 

“Siamo usciti dalla fase di laboratorio e abbiamo dimostrato di saper produrre celle solari bifacciali con il 24,63% di conversione della luce. Un rendimento mai realizzato prima d’ora utilizzando processi e materiali che si possono industrializzare. Siamo pronti a rendere questo processo scalabile a livello industriale per confermarci leader anche nella produzione di pannelli solari di ultima generazione.”

– Cosimo Gerardi, Responsabile Ricerca e Sviluppo 3SUN

 

L’impianto in questione è una delle eccellenze italiane in ambito fotovoltaico: è il primo, e per ora anche l’unico al mondo, a produrre moduli bifacciali in HJT (silicio amorfo e cristallino) su scala industriale e questo nuovo record potrebbe offrire una nuova spinta in avanti.

Attualmente infatti i moduli possiedono un’efficienza di conversione della luce in elettricità superiore al 20,5 per cento e ogni unità vanta una potenza nominale di 400W. Non solo: la doppia faccia permette di catturare la luce anche sul lato posteriore, ottenendo così una maggiore produzione di energia elettrica, quantificata in circa il 30 per cento in più rispetto ai pannelli tradizionali mono-facciali.

 Il prossimo obiettivo per i ricercatori dell’impianto catanese (fiore all’occhiello di EGP e tra i più grandi impianti di produzione fotovoltaica in Europa) è quello di raggiungere a breve un’efficienza di conversione della luce superiore al 25% , con potenza superiore a 500 W. 

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi