Prevedere le rinnovabili: uno studio EGP e Aeronautica militare italiana

Pubblicato mercoledì, 14 dicembre 2016

Dalla collaborazione tra Enel Green Power e il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare italiana una nuova analisi che permette di migliorare l’accuratezza delle previsioni di energia eolica a medio termine

Si è tenuto a Vienna dal 15 al 17 novembre 2016 il “15th International Workshop on Large-Scale Integration of Wind Power into Power Systems”, incontro internazionale che raduna esperti del settore delle energie rinnovabili da tutto il mondo.

Nell’occasione, Federico Fioretti, della divisione Innovation and Sustainability, Global Renewable Energies di Enel, ha presentato i risultati di uno studio effettuato nel 2014-15 in collaborazione con il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare italiana, riguardante l’uso dei modelli atmosferici di previsioni numeriche (NWP) a scala regionale per il miglioramento dell’accuratezza delle previsioni di energia eolica a medio termine (48-72 ore).

Nello studio presentato a Vienna, i campi di previsione meteorologica forniti dal modello operativo (COSMO-ME) del Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare sono stati usati come input ad un modello statistico per la previsione di energia eolica sviluppato da Enel Green Power.

La collaborazione con il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare, che vanta un’esperienza più che decennale nel campo della cosiddetta “assimilazione dati” ed è un punto di riferimento internazionale per le tematiche di previsione meteorologica, ha permesso di realizzare un’analisi estremamente completa e dettagliata per fare un ulteriore passo avanti nelle attività di previsione a medio termine delle rinnovabili.

L’attività svolta da EGP Innovation and Sustainability, Renewables Energy Management Italy e da Enel Ingegneria e Ricerca, rientra nel filone di Energy Yield Forecasting su cui Enel Green Power è attiva da molti anni

La corretta previsione dell’energia che gli impianti rinnovabili, intrinsecamente non programmabili, possono immettere in rete nei giorni successivi costituisce, insieme alle tecnologie di energy storage, una delle chiavi per rendere le energie rinnovabili sempre più compatibili con la rete elettrica, dispacciabili ed attive nella gestione e nel bilanciamento dell’intero sistema elettrico.