Energia e territorio: ecco la formula del successo delle Centrali Aperte di EGP

Pubblicato giovedì, 27 dicembre 2018

“Questa iniziativa che portiamo avanti nelle nostre centrali è un’opportunità per avvicinare i cittadini al mondo della produzione di energia elettrica e per conoscere da vicino l’azienda che è presente e radicata sul territorio con i suoi impianti e le sue importanti attività.”

– Carlo Pignoloni, Responsabile Italia EGP

Ma oltre ai ragazzi delle scuole e ai visitatori, anche quest’anno, così come nel 2017, Centrali Aperte ha visto la partecipazione di oltre 40 aziende, che hanno animato le giornate dedicate alle "fabbriche di energia pulita" mostrando le eccellenze enogastronomiche e artigianali locali, promuovendo i prodotti tipici del territorio italiano e valorizzando così un patrimonio unico al mondo.

E non solo, perché nel 2018 “Centrali Aperte” è arrivato anche sui social, con i visitatori che sono stati invitati a scattare una foto dell’impianto e condividerla con l’hashtag #egpcentraliaperte.

Un’opportunità divertente e innovativa per diventare protagonista dei nostri video dedicati all’evento!

Centrali aperte da Nord a Sud Italia

Quest’anno il tour delle “fabbriche di energia pulita” ha preso idealmente il via dall’impianto idroelettrico di Bardonecchia, in Val Susa, che il 25 maggio scorso ha accolto circa 500 tra visitatori e studenti delle scuole locali.

Inaugurato nel 2011 e in grado di fornire energia elettrica green e sostenibile a 15.000 famiglie, in occasione della sua apertura al pubblico, arrivata insieme al passaggio del Giro d’Italia a Bardonecchia, l’impianto si è trasformato in un punto di ritrovo per tutta la zona, accogliendo gli stand dei produttori locali di miele e formaggio, l’animazione per i più piccoli e, per i più grandi, la possibile di fare un giro in bici tra le splendide strade della zona.

Il 9 giugno “Centrali Aperte” è invece sbarcato in Sicilia, nel campo eolico di Gangi, in località Monte Zimmara, Contrada Pianette in Provincia di Palermo che ha fornito con un grande esempio di sostenibilità per tutti i ragazzi delle scuole elementari, medie e superiore del comprensorio Madonita oltre che un momento di trasparenza e vicinanza verso le istituzioni e il territorio.  Situato a 1300 metri di quota, i 1200 visitatori della Centrale del Gangi ha avuto l’occasione unica per ammirare come dal vento nasce l'energia elettrica e per prendere parte ad attività e laboratori creativi e riciclo con al centro l’idea della sostenibilità e dell’economia circolare

“E' stato un grande esempio di sostenibilità per i giovani del comprensorio madonita. Centrali Aperte rappresenta un momento di apertura e trasparenza nei confronti delle Istituzioni e del territorio che ospita i nostri siti produttivi. Un vero successo con 15 istituzioni locali coinvolte con oltre 1.200 partecipanti.”

– Emanuele Silvestri, Affari Territoriali Area Sud

La sostenibilità che nasce dal territorio

Nel corso del suo gironzolare su e giù per l’Italia, il 17 giugno “Centrali Aperte” ha fatto tappa nella Centrale idroelettrica Ignazio Silone (San Giacomo) di Montorio al Vomano, in provincia di Teramo, che ha accolto l’energia e l’entusiasmo di oltre 800 tra adulti e bambini.

“Centrali aperte è un momento importante di apertura al territorio. In questo modo i visitatori possono vedere da vicino il nostro impianto idroelettrico in una cornice paesaggistica meravigliosa.”

– Emanuele Baroncini, Responsabile UT Montorio di EGP

Sul finire dell’estate, il 22 settembre, “Centrali Aperte” è invece sbarcata ad Ascoli Piceno, nell’impianto di idroelettrico Porta Romana, dove le istituzioni locali, tra cui il sindaco Guido Castelli, 450 cittadini e 100 studenti hanno ammirato il funzionamento dell’impianto che fin dal 1955 sfrutta le acque del fiume Tronto per produrre energia pulita. 

Centrali Aperte 2018 Enel Green Power

Centrale idroelettrica - Bardonecchia (Italia)

Ottobre, il mese della sostenibilità

Per “Centrali Aperte” 2018 ottobre è stato un vero e proprio mese della sostenibilità, con tre eventi in altrettanti impianti.

Il 13 ottobre, in particolare, abbiamo aperto le porte dei nostri impianti idroelettrici di Piedimonte Matese, in Campania, dove oltre mille persone hanno visitato la centrale Luigi Vanvitelli, e di Taloro, in Sardegna, che ha visto invece la presenza di quasi 700 persone, tra cui moltissimi bambini e ragazzi delle scuole locali.

Sia in Campania che in Sardegna, gli eventi sono stati accompagnati dalle prelibatezze enogastronomiche locali, che hanno fatto da splendida cornice alle giornate dedicate alle energie rinnovabili.

Le giornate di sostenibilità di “Centrali Aperte” torneranno anche nel 2019 con un nuovo carico di novità.

Per il prossimo anno abbiamo previsto di rendere le nostre centrali sempre più interattive, con visite guidate immersive, sempre per adulti e bambini, così da rendere la scoperta delle fonti di energia pulita un’esperienza indimenticabile!

I primi appuntamenti delle nostre “Centrali Interattive” sono previsti negli impianti di idroelettrici di Acquoria, nel Lazio, e Trezzo sull’Adda, in Lombardia.

Ci vediamo nel 2019!