Gibson Bay: l’eolico a tempo di record

Giovedì, 11 maggio 2017

“È appassionante andare a lavorare ogni giorno in un ambiente che ti dà l’opportunità di costruire qualcosa in grado di cambiare vite e di durare nel tempo abbastanza a lungo da poterlo mostrare ai tuoi figli e nipoti.”

– Boikanyo Mabone, project manager EGP a Gibson Bay

Energia pulita e occupazione

Gibson Bay è il secondo parco eolico che abbiamo messo in esercizio in Sudafrica e il nostro più grande in questa tecnologia nel Paese dove oggi contiamo su 7 impianti per una capacità installata complessiva di oltre 520 MW tra energia del vento e del sole.

Dall’entrata in funzione del campo fotovoltaico di Upington, il primo impianto di Enel Green Power collegato alla rete sudafricana, all’avvio di Gibson Bay sono passati meno di tre anni durante i quali la nostra presenza di EGP nel Paese dell’Arcobaleno è cresciuta costantemente.

“Il nostro investimento in energia rinnovabile sta portando buone opportunità di occupazione e nuove competenze in Sudafrica.”

– William Price, Country Manager EGP per il Sudafrica

Il parco eolico è supportato da un accordo di fornitura energetica ventennale con l'utility sudafricana Eskom, siglato in seguito alla gara bandita dal governo sudafricano nel quadro del Programma REIPPPP (Renewable Energy Independent Power Producer Procurement Programme) aggiudicata dal gruppo Enel.

Non solo tecnologia

La costruzione di Gibson Bay ci ha dato occasione di entrare in stretto rapporto con la popolazione locale e lavorare assieme alle comunità della zona per costruire insieme nuove opportunità di sviluppo.

Come ormai consuetudine per EGP in tutti i Paesi e progetti dove è impegnata, anche nel caso del parco eolico nella municipalità di Kouga non abbiamo portato solo tecnologie.

Insieme alle 37 turbine, ai 50 Km di cavi elettrici e a tutte le strumentazioni necessarie per il funzionamento del parco, in questo angolo della provincia di Eastern Cape sono arrivati anche progetti e soluzioni ispirati dal nostro modello di Creazione di valore condiviso.

“Insieme alla ong locale Soul Provider abbiamo sostenuto un programma per l’alimentazione scolastica che ha raggiunto 2850 bambini dell’area di Port Elizabeth.”

Il nostro impegno per le nuove generazioni sudafricane ci ha portato anche ad avviare un progetto per fornire servizi wi-fi gratuiti a istituti scolastici delle zone più disagiate frequentate da circa 1000 giovani studenti.

Il progetto di Gibson Bay ci ha dato anche l’opportunità di migliorare le infrastrutture della zona costruendo, tra l’altro, oltre 40 Km di strade che contribuiranno alla viabilità con benefici economici e sociali per tutta la popolazione.