Brasile e Messico, campioni di sicurezza

Mercoledì, 7 giugno 2017

“Sono più di 410 i giorni senza incidenti a Ituverava, impianto fotovoltaico da 254 MW nello Stato di Bahia, mentre nel parco solare di Lapa (158 MW) lavoriamo senza alcun infortunio da ben più di 399 giorni. A Cristalândia, parco eolico da 90 MW, non si registrano infortuni da più di 389 giorni.”

La sicurezza sul lavoro è una priorità assoluta per la Divisione Rinnovabili del Gruppo Enel, che fin dal giorno della sua fondazione si impegna a raggiungere l’ambizioso obiettivo “Zero Infortuni” attraverso costanti attività di formazione e la capillare diffusione di una cultura della sicurezza che coinvolge tutti i lavoratori dell’azienda in tutto il mondo e i contractor che collaborano nei nostri cantieri.

Sono i numeri a confermare l’ottimo lavoro svolto fino ad ora che va oltre i MW di capacità installata e i nuovi impianti aperti. Insieme al Brasile, anche il Messico sta facendo registrare performance senza precedenti: siamo il maggior operatore nel settore delle energie rinnovabili nel Paese, dove gestiamo 728 MW (di cui 675 MW da fonte eolica e 53 MW da idroelettrico). Abbiamo inoltre avviato di recente la costruzione di Villanueva, un impianto solare fotovoltaico da 754 MW che è il più grande in costruzione nelle Americhe e il nostro maggior progetto solare al mondo.

“Nonostante i tantissimi progetti avviati e in corso d’opera, in Messico non si registrano incidenti da 4.247 giorni, pari a undici anni e mezzo.”

Un risultato straordinario reso possibile grazie a pianificazione, competenza e organizzazione, ma soprattutto grazie a un grande lavoro di squadra e all’impegno di tutti, perché la sicurezza è una responsabilità di ciascuno di noi.

Il traguardo raggiunto non rappresenta però un punto di arrivo, ma un’occasione per continuare a migliorare: se da una parte la Global Renewable Energies ha chiuso il 2016 con una forte riduzione (circa il 30% rispetto al 2015) dell'indice di frequenza degli incidenti (numero di incidenti per milione di ore lavorate) e nel  99% delle centrali ha terminato l'anno senza infortuni, dall’altra permangono delle significative aree di miglioramento. Il 2017 deve vederci ancora protagonisti e campioni di sicurezza, non solo in Messico e Brasile ma in tutti i Paesi in cui continuiamo a portare energia pulita.