Trasformare gli scarti in valore

Pubblicato lunedì, 14 agosto 2017

“Insieme alle comunità locali, abbiamo trasformato i materiali di scarto in oggetti di tutti i giorni: cestini per la raccolta differenziata, panchine, mobili da giardino e segnaletica di parcheggio. Un progetto perfettamente in linea con il nostro modello di Creazione di Valore Condiviso (Creating Shared Value - CSV).”

Una formazione per il futuro

Come già avvenuto in altre zone del mondo, anche in Brasile abbiamo avviato una forte collaborazione con le comunità locali per condividere tecniche innovative per la lavorazione del legno e dare nuova vita a tutti i materiali riutilizzabili.

Nell’impianto solare di Lapa, attraverso un'iniziativa volontaria che coinvolge i nostri colleghi, abbiamo riutilizzato diversi elementi in legno - pallet e scatole - e alcune travi metalliche per creare nuovi oggetti destinati al cantiere (strutture di copertura, segnali di avviso e tanto altro) e alle comunità vicine. Abbiamo realizzato mobili destinati alle scuole, alle associazioni ed altre strutture sociali, collaborando con l'organizzazione Senai per avviare corsi di formazione professionale destinati a 25 residenti provenienti dalle comunità di Lapinha, Lagoa do Peixe e Araçá Volta.

“Anche le persone del luogo hanno compreso l’importanza di riutilizzare questi pallet. Ogni materiale è stato posto all’interno di un magazzino e grazie a questi corsi di formazione potranno continuare a realizzare mobili e oggetti anche dopo la conclusione dei lavori.”

Design italiano a Ituverava

Nell’area di Ituverava, dove sono presenti molti pallet e bobine in eccesso, i nostri colleghi hanno realizzato mobili e giocattoli. Inoltre, dal 2016 sono stati avviati numerosi workshop in collaborazione con Creative Recycling Factory, società italiana di design, per aiutare i residenti di Senhor do Bonfim.

Ad oggi, decine di persone hanno preso parte a speciali corsi di formazione per riutilizzare i pallet e le bobine per creare case di legno, sedie e altri mobili che verranno anche venduti per sostenere l’economia della zona. Il corso proseguirà nel 2017 per offrire ai residenti la possibilità di imparare nuove tecniche di progettazione e lavorazione del legno.