Cambiamenti climatici: l’efficienza fa la differenza

Pubblicato venerdì, 9 febbraio 2018

“Nevicate, grandine e bufere hanno costretto i team di O&M a lavorare in paesaggi lunari con terreni completamenti innevati, visibilità limitata, vento battente e il gelo ad aggredire strumenti, macchinari e persone.”

Nell’impianto candese di St. Lawrence, nella provincia di Terranova e Labrador, il team di O&M ha dovuto scavare nella neve per garantire l’accesso alle recinzioni, liberare gli interruttori e le sottostazioni sui quali poi intervenire manualmente. Nel campo eolico di Castle Rock Ridge, sempre in Canada, le temperature sono arrivate sino a toccare – 60° F (-51°C) e la neve ha bloccato gli accessi al sito e alle turbine.

In casi estremi, efficienza e sicurezza

I team di O&M canadesi hanno risposto a queste condizioni estreme affidandosi innanzitutto a procedure definite per garantire sicurezza, efficienza ed efficacia.

Tutti i membri del team devono essere consapevoli delle condizioni metereologiche, conoscere le previsioni e informarsi stabilmente su chiusura delle strade e decisioni rilevanti prese dalle autorità pubbliche. Inoltre sono stabiliti le temperature limite al di sotto delle quali è obbligatorio sospendere i lavori e cercare riparo dalle intemperie.

Ogni componente delle squadre di O&M è tenuto a rispettare regole di comportamento e DPI - dispositivi di protezione individuale - come quella di non esporre la pelle all’aria per evitare congelamenti e ustioni, oltre che a utilizzare un apposito kit di sopravvivenza da tenere sui mezzi (luci, acqua, coperte, …), indumenti speciali (stivali, tuta, cappotti, cappello, guanti, occhiali protettivi, ...) e soluzioni chimiche tascabili in dotazione per scaldare le mani.