• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}
4 min.

La Green economy genera nuove opportunità di lavoro

Saranno 18 milioni i nuovi posti di lavoro generati dalla green economy entro il 2030. Tra questi l’energy manager, il data scientist, il cloud architect. Nuove opportunità anche in Italia e Africa, grazie al sostegno di EGP nella formazione di nuovi talenti.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

La transizione energetica verso le energie rinnovabili sta modificando anche il mondo del lavoro generando la necessità di nuovi profili professionali e offrendo inedite opportunità di impiego.

Se nel 2017, secondo i dati del Renewable Energy and Jobs 2018 dell’IRENA (International Renewable Energy Agency), ben 10,3 milioni di persone nel mondo, il 5,3% in più rispetto all’anno precedente, hanno svolto lavori green, nel prossimo decennio questo numero potrebbe salire a 18 milioni su scala globale. Questo il totale delle nuove opportunità lavorative generate dalla green economy, secondo i calcoli del World Employment Social Outlook 2018 dell’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite.

In questo scenario, l’attività di Enel Green Power è concentrata alla creazione di opportunità di lavoro e di sviluppo territoriale in tutti i 29 Paesi del mondo in cui opera.
 

Sostenibilità, innovazione e crescita

L’abbondanza di risorse naturali, lo sviluppo di nuove tecnologie e quadri normativi stabili hanno innescato una diminuzione dei costi delle energie rinnovabili, a tutto vantaggio dei lavoratori di oggi e di domani, che vedono nella sostenibilità un grande opportunità professionale.

Tra i nuovi green jobs, spiccano quelli che riguardano i processi di produzione dei beni e dei servizi e della progettazione, come l’Energy Manager, che ha il compito di individuare soluzioni innovative per ottimizzare i costi energetici, o il Plant Manager, che presiede e organizza le operazioni quotidiane degli impianti di produzione.

Ma il futuro passa anche per la digitalizzazione e i Big Data, che hanno esteso a dismisura il campo d’azione e consentono di aumentare l’efficienza operativa riducendo costi e tempi.

In quest’ottica il ruolo del Data Scientist diventa ogni giorno più importante, se si pensa che le aziende si affidano sempre più a Big Data, Analytics e Tecnologie Cloud, di Automazione e Machine Learning prima di prendere decisioni fondamentali per il business.

O anche il Cloud Architect, che aiuta a gestire il processo di trasformazione digitale delle aziende, progettando e costruendo ambienti cloud che si adattino il più possibile alle esigenze di sviluppo di un’impresa.
 

Un appuntamento con il futuro dell’energia in Italia e in Africa

L’Italia svolge un ruolo di capofila nel settore dei green jobs e sono molte le opportunità per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro.

L’ultimo GreenItaly Rapporto del 2018, realizzato da Symbola e Unioncamere, ha previsto una crescita del 10% fra tutte le professioni verdi, con una percentuale che raggiunge il 15% nel caso del solo manifatturiero.

In Italia, Enel Green Power gestisce più di 500 impianti idroelettrici, la maggior parte dei quali costruiti tra gli anni Cinquanta e Sessanta, quando l’energia dell’acqua è stata uno dei motori del boom economico.

Durante i 50 anni di attività delle nostre dighe, sono cresciute la sensibilità e l’interesse verso procedure gestionali innovative, orientate alla manutenzione proattiva e predittiva in grado di assicurare un alto livello di affidabilità e sicurezza delle centrali.

È per questo che, il 19 febbraio, nell’Aula Magna della Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Università di Bologna, si terrà il primo Open Day on Dams 2019, il workshop sulla progettazione, gestione e manutenzione delle opere di sbarramento organizzato dal Comitato Nazionale Italiano per le Grandi Dighe (ITCOLD), il Young Engineers Forum (YEF), il Dipartimento di Ingegneria Civile Chimica, Ambientale e dei Materiali (DICAM), l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna e che vedrà la partecipazione di Enel Green Power.

L’evento rappresenta una preziosa occasione per presentare ai neolaureati e agli studenti di Ingegneria le attività che svolge chi lavora nel settore idroelettrico, come la progettazione di nuove dighe, l’attività di vigilanza della Direzione Generale per le Dighe, l’ingegneria responsabile, le attività quotidiane di gestione delle dighe e degli invasi, le verifiche sismiche e le rivalutazioni idrologiche

Anche in Africa, EGP è impegnata nella formazione dei giovani talenti, grazie al progetto Open Africa Powerla cui seconda edizione ha preso il via a gennaio ad Addis Abeba, in Etiopia.

Lo scopo è creare una nuova generazione di leader nel settore dell’energia del continente, fornendo una formazione di alto profilo a laureati e combinando conoscenze disciplinari verticali in campo energetico, dagli aspetti tecnici e normativi a nozioni più strettamente operative.

Enel Green Power porta in giro per il mondo la propria energia green ed è impegnata da sempre nella promozione della green economy, il nuovo paradigma di sviluppo basato sulla stretta relazione tra ambiente ed economia.

Impegno che fa rima con innovazione tecnologica, sviluppo sostenibile, efficienza energetica e contributo allo sviluppo e alla crescita occupazionale. 

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi