• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Novartis ed Enel Green Power: salute e sostenibilità, insieme per il pianeta

Novartis ed Enel Green Power: salute e sostenibilità, insieme per il pianeta

La multinazionale farmaceutica Novartis punta al 100% di energia rinnovabile per tutte le sue attività entro il 2025. Nel suo viaggio verso la sostenibilità, l’azienda ha scelto di collaborare con Enel Green Power e con il parco eolico di TICO in Spagna, che entrerà in esercizio nel 2022.

Partnership

Un forte impegno per la sostenibilità

Novartis si è posta traguardi ambiziosi al fine di minimizzare il proprio impatto sul clima, sulla produzione di rifiuti e sulle risorse idriche: i suoi obiettivi rispettano i criteri della Science Based Targets Initiative. In concreto, entro il 2025 Novartis punta a diventare carbon neutral in tutte le sue attività, mentre per il 2030 ha l’obiettivo di ottenere la carbon e plastic neutrality, oltre ad azzerare gli sprechi idrici, in tutta la sua catena del valore. Recentemente l’azienda ha anche annunciato l’intenzione di raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette di anidride carbonica in tutta la sua catena del valore entro il 2040.

Nel novembre 2020, Novartis ha annunciato la firma di cinque Virtual Power Purchase Agreements, che copriranno un periodo di dieci o più anni. Uno di questi accordi prevede l’acquisto di circa 78 MW di energia rinnovabile da Enel Green Power per oltre 10 anni.

Questo accordo paneuropeo aiuterà l’azienda a raggiungere il proprio obiettivo del 100% di energia rinnovabile e di carbon neutrality in tutte le sue operazioni europee entro il 2025. Sarà infatti servita dall’energia prodotta nel parco eolico da 179,9 MW di TICO, nella provincia di Saragozza, in Spagna, che diventerà operativo nei primi mesi del 2022. In questo modo, Novartis eviterà l’emissione nell’atmosfera di circa 96.400 tonnellate di CO2 ogni anno.

Con un VPPA paneuropeo, un’azienda acquista energia rinnovabile generata fuori dal mercato elettrico relativo al proprio carico energetico. Novartis ha scelto questa soluzione innovativa per via della fluidità della sua area di mercato in Europa, che è composta da molte località diverse con esigenze energetiche differenti. Il VPPA paneuropeo non permette solo di aggregare la domanda proveniente da più Paesi, ma fornisce anche flessibilità in caso di variazione delle dimensioni o dell’ubicazione delle strutture dell’azienda.

Ottenendo energia elettrica dal parco eolico spagnolo, Novartis potrà contare su uno dei maggiori fattori di carico eolici onshore in Europa. A sua volta ciò garantirà un minore LCOE (levelized cost of energy) e una produzione di energia rinnovabile più conveniente dal punto di vista economico.

L’altro fattore determinante nel processo decisionale è stata la gestione dei certificati GO (Guarantee of Origin). La chiara definizione di un confine di mercato europeo consente a Novartis di certificare la riduzione di anidride carbonica sull’energia rinnovabile acquistata attraverso questo VPPA. In particolare, secondo la normativa spagnola, il produttore di energia e/o il fornitore al dettaglio autorizzato possono annullare i certificati GO per conto dell’azienda acquirente, e questo annullamento può essere effettuato in eccesso al carico in-market. Inoltre, i certificati GO emessi in Spagna possono essere facilmente esportati e annullati in tutti i paesi membri della AIB (Association of Issuing Bodies). Ciò permette a Novartis di dichiarare l'approvvigionamento di energia rinnovabile per tutta la generazione riconducibile a questo VPPA.

{{item.label}}
{{ item.title }}
{{ item.content }}
  • Energia sostenibile 78

    Energia sostenibile 78 MW

  • Emissioni evitate 96k

    Emissioni evitate 96k Tonnellate di CO2 ogni anno

  • Carbon neutrality 100%

    Carbon neutrality 100% L’obiettivo di Novartis di usare energia rinnovabile in tutte le attività europee entro il 2025

title-{{_uid}}
Highlights di sostenibilità

L’industria farmaceutica può essere sostenibile dal punto di vista ambientale

Per Novartis, ridurre le emissioni di gas serra e gestire in modo efficiente e sostenibile le risorse sono priorità. Oltre alla transizione verso l’energia rinnovabile, Novartis sta anche compiendo la transizione verso la mobilità elettrica, rendendo green tutta la sua flotta. Per esempio, in Italia, l’azienda ha stretto una collaborazione con la nuova business line globale di Enel X per promuovere la mobilità elettrica. Un altro obiettivo di Novartis è quello di promuovere la sostenibilità lungo tutta la catena di fornitura, che include anche EGP, attraverso il lancio delle Green Expectations per i fornitori. L’azienda è inoltre impegnata a fornire medicinali sostenibili dal punto di vista ambientale e a comprendere come la crisi climatica influisce sulla salute delle persone. Infine, fornisce informazioni in modo trasparente sui propri progressi attraverso il suo resoconto annuale, Novartis in Society Integrated Report, che assolve al requisito, in quanto firmataria del Global Compact delle Nazioni Unite, di rendere pubblici i progressi compiuti in questi campi specifici.

Scopri di più su questa partnership