• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}
{{navigationCta.name}}

Mondelēz International, produttore dei biscotti Oreo, acquista energia solare per la sua industria

3 min.

Mondelēz International, produttore dei biscotti Oreo, acquista energia solare per la sua industria

Mondelēz International si è impegnata a siglare un Power Purchase Agreement con Enel Green Power per l’acquisto di 65 MW di energia solare dalla nostra centrale solare di Roadrunner in Texas.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

Quando l’irrefrenabile voglia di uno snack dolce o salato vi assale, sia esso una barretta Milka o delle patatine Cipster, non pensate certo agli ingredienti o al loro processo produttivo, giusto? Ciò che conta è quella piacevole sensazione immediata!

Allo stesso tempo però, se consideriamo le quantità prodotte, e per i biscotti Oreo stiamo parlando di circa 40 miliardi di unità all’anno, il discorso sulle modalità di produzione e sull’energia che questo processo richiede, diventa molto importante e interessante. 

A prescindere dalle preferenze individuali per uno snack dolce o salato, Mondelēz International, la multinazionale del settore alimentare con sede a Chicago, ha cura di produrre ogni snack nel modo giusto. Giusto intendiamo che a ogni morso si deve percepire il dolce gusto della sostenibilità.

Siamo fieri di assistere Mondelēz in una vera e propria missione, quella di fornire al grande pubblico prodotti gustosi e, al contempo, rispettare l’ambiente. Tradotto in numeri, Mondelēz punta a ridurre le proprie emissioni totali di CO2 del 15% entro il 2020, evitando ogni anno l’emissione di circa 240.000 tonnellate di anidride carbonica e per farlo si affiderà all’energia rinnovabile fornita da Enel Green Power.  

In passato, l’azienda ha già investito in politiche ambientali, inclusi impianti a energia solare installati presso tre stabilimenti produttivi francesi, oltre ad una fornitura elettrica alimentata al 100% da fonti rinnovabili in Thailandia e in tutti i suoi stabilimenti nelle Filippine.

Negli Stati Uniti, questo impegno si spinge oltre, considerato soprattutto l’impatto che avrà sull’intero comparto dell’industria alimentare e dolciaria. Nel 2018, l’intero settore merceologico degli snack ha acquistato 362 MW di energia rinnovabile, quindi, l’investimento Mondelēz di 65 MW rappresenta un incremento di quasi il 18% del totale, considerato che questo proviene da un unico PPA siglato da una sola azienda!


Mondelēz - EGP: un accordo pieno di energia

Nel prosieguo del nostro impegno verso la costruzione di un futuro basato sulle rinnovabili, convincere i grandi player aziendali a scegliere le rinnovabili per alimentare le proprie attività, diventa un passo decisivo per il raggiungimento dell’obiettivo. Questa è esattamente la strada che Mondelēz International sta percorrendo, grazie al nostro impianto solare di Roadrunner in Texas.

L’acquisizione di 65 MW di energia rinnovabile eviterà l’emissione in atmosfera di più di 80.000 tonnellate di anidride carbonica, oltre a rappresentare la più importante partnership dedicata alle energie rinnovabili mai sottoscritta da Mondelēz a livello globale. Per rendere più chiare le grandezze in gioco, con questa potenza rinnovabile a disposizione, oltre il 50% di tutti i biscotti Oreo mangiati negli Stati Uniti ogni anno saranno a zero emissioni: parliamo di oltre 10 miliardi di Oreo!

“Questo accordo dimostra il nostro impegno per ridurre le emissioni di anidride carbonica generate dalle nostre attività produttive in tutto il mondo, con un’attenzione speciale per l’America del Nord. Insieme al nostro impegno più ad ampio raggio per eradicare la deforestazione, questo complesso di azioni forma un elemento fondamentale della nostra strategia per la creazione non solo di snack sostenibili, ma anche di un futuro sostenibile.”

– Glen Walter, Vice Presidente Esecutivo e Presidente Nord America, Mondelēz International
 

Per uno stato grande come il Texas, una grande centrale solare

Abbiamo avviato la costruzione della nostra centrale solare di Roadrunner nel marzo del 2019 e la prima fase del progetto prevede l’entrata in esercizio entro la fine dell’anno per generare 252 MW di energia rinnovabile. Il completamento della fase 2, previsto per la fine del 2020, porterà la centrale a produrre fino a 497 MW.

Le dimensioni di questo impianto lo renderanno la nostra più grande centrale solare sul territorio statunitense, oltre a essere in assoluto il secondo impianto solare del Texas per potenza installata: un risultato impressionante se si considera gli incredibili livelli di irraggiamento solare nello stato. In assoluto, ogni anno il progetto Roadrunner eviterà l’emissione di 800.000 tonnellate di CO2. Grazie al PPA firmato con Mondelēz, l’energia rinnovabile prodotta da EGP sarà un fattore fondamentale nella produzione di snack più sostenibili.

Mentre ci spingiamo avanti verso un futuro sempre più rinnovabile, diventa fondamentale avere compagni di viaggio come Mondelēz International che sottoscrivono PPA. Questi accordi di ampio respiro influenzano il portfolio energetico delle grandi industrie a favore delle fonti rinnovabili, spianando la strada verso la costruzione di un futuro a emissioni zero.

Articoli correlati

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi