• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Una nuova vita per le pale eoliche, la sfida di sostenibilità di Enel Green Power

Una nuova vita per le pale eoliche, la sfida di sostenibilità di Enel Green Power

Riuso, riciclo e nuove partnership innovative: ecco come Enel Green Power sta già pensando alla nuova vita delle pale eoliche dismesse.

{{ item.title }}
{{ item.content }}

Non possiamo spingere sull’acceleratore delle rinnovabili senza avere a cuore allo stesso tempo la circolarità di ogni processo. Per guidare la transizione energetica c’è bisogno di una visione pionieristica, di essere proattivi. Ed è per questo che Enel Green Power sta già immaginando processi che mirino ad affrontare uno degli interrogativi che si porranno nei prossimi anni sulla strada dello sviluppo dell’energia rinnovabile: la nuova vita delle pale eoliche.

La dismissione delle pale di una centrale eolica non corrisponde infatti alla fine del ciclo di vita del materiale di cui esse sono composte. C’è possibilità di far rivivere quei componenti, chiudendo il cerchio della circolarità e rendendo gli impianti green ancora più sostenibili.

 

La nuova vita delle pale eoliche

L'energia eolica è una fonte rinnovabile il cui sfruttamento per produrre energia elettrica in crescita esponenziale nell'ultimo decennio. Da qui al 2025, secondo il New Energy Outlook 2019 di Bloomberg New Energy Finance, la capacità installata dell’eolico on-shore crescerà di oltre 538 GW. Le turbine hanno una vita media utile che si aggira attorno ai 20 anni: secondo le stime dell’Università di Cambridge, entro il 2050 ben 43 milioni di tonnellate di materiale proveniente dall'industria eolica globale dovranno essere inseriti all’interno di percorsi specifici di smaltimento. Un tema che non può essere ignorato.

La maggior parte dei pezzi di una turbina è abbastanza facile da riciclare, essendo composta principalmente da parti metalliche. Ma resta la questione dello smaltimento di un'enorme quantità di materiali difficili da riciclare, come i polimeri rinforzati con fibre (FRP) utilizzati nelle pale delle turbine. Ecco perché Enel Green Power è alla ricerca di soluzioni sostenibili basate su riutilizzo, riciclo e opzioni innovative per dare nuova vita alle pale dismesse delle turbine eoliche.

La sfida si percepisce attualmente solo in minima parte, perché gli impianti eolici sono giovani o si stanno costruendo adesso, ma presto ne vedremo gli effetti. Oggi, ad esempio, gestiamo anche progetti di repowering che allungano la vita degli impianti eolici e danno luogo a pezzi di ricambio che richiedono soluzioni sostenibili di smaltimento. Sebbene non esistano ancora tecnologie mature e disponibili a livello globale per il riutilizzo o il riciclo dei materiali delle turbine eoliche, stiamo attivamente esplorando nuove soluzioni innovative.

 

 

“Affrontare l’ambiziosa sfida della nuova vita delle pale eoliche fa parte nella nostra mission. Non possiamo limitarci a seguire le tendenze del mercato: dobbiamo anticiparle ed accelerarle, favorendo lo sviluppo e la dimostrazione delle soluzioni più efficienti. Dobbiamo creare ora nuove alleanze per poter gestire al più presto nuovi cicli di vita delle pale eoliche e rendere le centrali del vento ancora più sostenibili, questo è un percorso che non possiamo fare da soli, è un impegno di sistema.”

 

- Nicola Rossi – Responsabile Innovation Enel Green Power

 

Sfruttando la nostra rete globale di Innovation Hub, attivando nuovi canali e utilizzando approcci disruptive - in pieno accordo con la nostra strategia di Open Innovation - abbiamo avviato un'attività di scouting, alla ricerca delle startup più interessanti che possano dare il loro prezioso contributo alla sfida della nuova vita delle pale eoliche.

 Stiamo lavorando sul riciclo, selezionando e testando alcune soluzioni con l’obiettivo di sviluppare una filiera che oggi non esiste a partire dal pre-trattamento delle pale e il loro riciclo, fino all’utilizzo finale per diversi usi e applicazioni.

 

 

“Enel Green Power sta guidando la transizione energetica anche facendo leva sull’economia circolare, ovvero ripensando i processi inerenti l’intera catena del valore, dalla progettazione dell’impianto fino al suo decommissioning. Per l’industria eolica, il raggiungimento di questo ambizioso obiettivo passa attraverso l’identificazione di soluzioni alternative allo smaltimento delle pale eoliche, in modo da portare la nostra energia a un livello ancora più elevato di sostenibilità.”

 

- Giovanni Tula – Responsabile Sostenibilità, Enel Green Power

 

Sulla nostra piattaforma di crowdsourcing Open Innovability, abbiamo lanciato due challenge per raccogliere idee e stimoli: una per individuare strade innovative sulle possibili modalità di riciclo e riutilizzo delle pale eoliche, l’altra per esplorare le possibilità di produrre materiali da costruzione isolanti dalle pale dismesse.

 

Riciclo e riuso, le due strade

La sfida della nuova vita delle pale eoliche richiede quindi un approccio multidisciplinare e multisettoriale, che integri l'innovazione sia nello sviluppo tecnologico che nella creazione di nuovi modelli di business. Le strade che si aprono dinanzi ai nostri occhi sono due: riuso e riciclo.

La strada del riuso chiama in causa l’ingegneria civile e l’architettura urbana. Le vecchie pale eoliche possono trovare impiego nell’ambito dell’arredo urbano e non solo. A seconda delle dimensioni e delle caratteristiche possono essere riutilizzate per realizzare ponti urbani, case, addirittura piccoli hotel. 

Foto 1: "Opportunità per riciclo e riutilizzo dei materiali compositi FRP per l'edilizia in un'economia circolare Lawrence", C. Bank, PhD, PE Dist.M.ASCE, F.ACI, F.IIFC | Foto 2: “Un nuovo utilizzo per le pale di turbine eoliche dismesse, riutilizzate in un ponte a traffico lento”, di Stijn Speksnijder | Foto 3: "Analisi e progettazione di un ponte pedonale con pale eoliche e calcestruzzo FRP dismessi", presentato da Raj Suhail al FRPRCS14, Belfast, Regno Unito, 4-7 giugno 2019.

Ma il riuso potrà coinvolgere però solo una parte della quantità di pale eoliche che si avvieranno verso la fine della loro prima vita. Ed allora è necessario spingere sull’acceleratore dell’innovazione e immaginare approcci innovativi per il riciclo dei materiali stessi delle pale: le fibre di vetro o carbonio possono trovare nuove applicazioni nella nautica, nel mondo dello sport, persino nel mondo degli isolanti per l’edilizia.

Non solo: le pale si prestano ad essere impiegate come materiali inerti per realizzazione di asfalti e materiali edili con caratteristiche avanzate superiori. Ogni parte di una turbina eolica può così diventare una risorsa che, dopo aver prodotto quell’inestimabile ricchezza chiamata energia rinnovabile, ricomincia a generare valore in una nuova vita.

Continueremo a lavorare per realizzare un nuovo ecosistema di player differenti, pronti a mettere in campo assieme a noi idee e competenze per un obiettivo comune: un’energia sostenibile a 360°, dalla prima alla nuova vita di una pala eolica.

Contenuti correlati

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi