• {{currentSearchSuggestions.title}}
  • {{currentSearchSuggestions.title}}

Energia marina

Energia marina

Il fascino delle maree e la potenza delle onde: fenomeni naturali sinonimo di libertà e potenza, dai quali è possibile ricavare una quantità esponenziale di energia a emissioni zero. La più giovane delle rinnovabili ha una storia ancora tutta da scrivere.

Cos’è l’energia marina

Un potenziale ancora da esplorare

La Terra è il pianeta blu. Più del 70 % della sua superficie è coperto dall’acqua di oceani e mari: utilizzare la forza nascosta di una risorsa naturale così diffusa è la grande sfida del Terzo Millennio.

L’energia marina attualmente è un'enorme riserva energetica quasi inutilizzata, con un potenziale inesauribile. Se si riuscisse a sfruttare a pieno la forza di mari e oceani si coprirebbe la totalità dei consumi energetici previsti dalla IEA (International Energy Agency) già entro il 2035. Un potenziale che però si scontra con gli attuali limiti in termini di costi e replicabilità delle tecnologie necessarie.

Mari e oceani hanno appena iniziato a recitare il proprio ruolo sul palcoscenico delle energie rinnovabili: il report IRENA 2019 conferisce all’energia marina una capacità installata di 500 MW, ancora lontana dalle possibilità delle “sorelle maggiori”. Ma le vie del mare sono infinite: secondo l'Ocean Energy System 2014 della IEA e l'Ocean Energy Europe 2016, entro il 2050 l'energia marina si diffonderà prevalentemente in Europa, arrivando a fornire già 100 GW di energia nel Vecchio Continente, pari al 10% dei consumi elettrici, con una stima di 40 mila posti di lavoro aggiuntivi.

La storia dell'energia marina

La più giovane delle energie rinnovabili

Mulini a marea in spiaggia o al porto

Accanto ai mulini a vento e ad acqua, appaiono in Italia, a Venezia, e in Inghilterra nel porto di Dover i primi mulini a marea, ben prima che l’origine delle maree venisse resa nota da teorie di scienziati come Newton, Laplace e Poincarè. In questi mulini, all’aumentare del flusso viene riempito un serbatoio, che si svuota al decrescere del flusso azionando le pale. 

Il rapporto tra maree e architettura

In Francia la baia del Mont-Saint-Michel, in Normandia, è teatro delle più spettacolari maree d’Europa. Di fronte ad essa svetta un’abbazia (edificata a più riprese tra il X e il XVI secolo), collegata da un lembo di terra: quando la marea è alta, il passaggio è coperto e la roccia su cui si trova diventa un’isola. Sulle coste settentrionali francesi proliferano i mulini alimentati dalle maree.

Energia meccanica dalle onde

A fine Settecento l’ingegnere e fisico francese Pierre Simon Girard, assieme al figlio, brevetta il primo dispositivo che ricava energia dal moto ondoso e la converte in energia meccanica, usata per aiutare il lavoro nei campi. 

Luci dal mare

L’inventore francese Bochaux-Praceique costruisce uno strumento a oscillazione azionato dalla forza dell’acqua, per illuminare la sua casa a Royan, vicino Bordeaux. 

Sfruttare l’oscillazione delle onde

L’ex comandante navale giapponese, Yoshio Masuda, sviluppa una boa di segnalazione alimentata da una turbina ad aria. La turbina è posizionata in un condotto, dove l’aria è aspirata e compressa dal movimento oscillatorio dell’acqua. Questo movimento provoca la rotazione della turbina che a sua volta fornisce potenza ad un generatore elettrico

La centrale delle maree

La Rance Tindal Power Station è la prima centrale maremotrice del mondo. Una lunga diga sbarra l’estuario del fiume Rance, le cui acque defluiscono nell’oceano attraverso 24 collettori dove alloggiano altrettante turbine Kaplan. 

L’anatra elettrica

Stephen Salter costruisce “l’anatra di Salter”, un dispositivo che trasforma la potenza dell’onda in elettricità. L’impatto delle onde fa ruotare dei giroscopi al suo interno e un generatore converte la rotazione in elettricità. Durante gli esperimenti su piccola scala riesce a fermare il 90% dell’energia marina, convertendone altrettanta in elettricità.

Il calore del mare

Un impianto OTEC (Ocean Thermal Energy Conversion, in grado di utilizzare l’energia termica generata dalla differente temperatura tra la superficie marina e le profondità oceaniche) a Nauru (Giappone) stabilisce il primo record di energia prodotta: 120 watt, di cui 90 vengono utilizzati per alimentare una scuola e altre aziende. 

La spinta dell’Unione Europea

L’Unione Europea inserisce tra gli obiettivi dei programmi comunitari lo sviluppo dell’energia marina, identificando circa 100 siti addetti allo scopo. 

Una turbina idraulica per lo Stretto di Messina

L’impianto Kobold, realizzato dalla società italiana Ponte di Archimede a 200 metri dalla costa nello Stretto di Messina – uno dei siti più promettenti tra quelli individuati dall’Unione Europea - è in grado di convertire l’energia cinetica prodotta dalle correnti marine in energia meccanica rotativa con un alto rendimento. 

Scozia, pioniere dell’energia marina

Nasce in Scozia, nell’ambito del programma MyGen, il progetto più grande al mondo per installare una serie di turbine per ricavare energia dalle correnti marine, con una potenza installata fino a 1,5 MW.

Energia elettrica dalle onde…

Viene collegata alla rete elettrica la prima serie di macchine per l’energia del moto ondoso. Si tratta del Perth Wave Energy Project, realizzato da Carnegie in Australia. 

… e dalle maree

La prima serie di macchine per energia delle maree viene collegata alla rete elettrica in Scozia dalla compagnia Nova Innovation, che installa turbine M100 di 100 kW nel sito di Buemull Sound. 

Come funziona l’energia marina

Le due strade del mare

{{ item.title }}
{{ item.content }}

I sistemi di generazione di energia marina sono legati a doppio filo allo sviluppo tecnologico. Quando l’innovazione raggiungerà il giusto livello di maturità tecnica e commerciale, la produzione di energia dal mare diventerà molto più vantaggiosa e diffusa.

Al momento le possibilità maggiori in termini di sfruttamento della risorsa - e le prospettive più incoraggianti da un punto di vista tecnologico - riguardano il recupero di energia dal moto ondoso (Wave Energy) e dalle correnti di marea (Tidal Stream Energy).

L’energia del moto ondoso è dovuta al vento che soffia sul mare, che crea il moto superficiale periodico caratteristico delle onde. Per l’energia dei flussi di marea si utilizzando invece le correnti d’acqua orizzontali, che si formano in conseguenza della variazione verticale del livello delle masse d’acqua, ossia le maree.

Scopri le Energie Rinnovabili

Sistemi di generazione da moto ondoso

Scopri di più

Sistemi di generazione da flusso di marea

Scopri di più
Vantaggi dell’energia marina

Un oceano di opportunità

Prevedibile e calcolabile

Onde e maree sono sempre presenti e le variazioni sono maggiormente quantificabili: i calcoli sulla produzione di energia marina sono molto più accurati

Tante tecnologie

La grande varietà di tecnologie per generare energia marina consente di adattarsi a contesti differenti.

Vicina ai luoghi di utilizzo

Città portuali o costiere sono molto vicine alla fonte e possono godere rapidamente dei benefici dell’energia rinnovabile. 

Lo sapevi che?

Dal fondo dell’oceano al tetto di un palazzo

In Canada, la Baia di Fundy, paesaggio selvaggio e idilliaco, è una delle più grandi fonti potenziali di energia mareomotrice al mondo, nonché la zona con il più alto dislivello di marea dell’intero pianeta.

Nell’arco di 6 ore, per due volte al giorno, 160 miliardi di tonnellate di acqua entrano ed escono nella bocca della baia. Il risultato è un monumentale innalzamento del livello del mare di ben 16 metri: un palazzo di cinque piani, costruito dalla forza dell’oceano.

Un colossale muro d’acqua, che converge all’interno di una lunga insenatura naturale dell’Oceano Atlantico - oltre 300 km di costa - che divide la penisola della Nuova Scozia dalla provincia del New Brunswick, nella parte orientale del Canada. La marea raggiunge qui i massimi valori mai registrati nel mondo, con notevoli effetti dinamici sul fondo e sulle coste della baia.

Scegli il tuo approfondimento

Energia eolica

Scopri di più

Energia solare

Scopri di più

Energia idroelettrica

Scopri di più

Energia geotermica

Scopri di più
Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy  Accetta e chiudi